in

I Migliori fps indie

Il prossimo genere che affronterò in questa serie sono gli sparatutto. Che si tratti di uno sparatutto in prima persona, di uno sparatutto in terza persona tattico, di uno stick gemello o di uno scroller laterale, se si tratta di un gioco in cui ci sono molte armi che producono rumori di peltro, lo includerò in questo elenco. Come con i precedenti, non potrei mai fare un elenco completo e completo di tutti gli sparatutto indie o AA nel prossimo anno, ma spero di essere riuscito a evidenziarne una buona parte.

Chrome ardente
Editore: The Arcade Crew
Sviluppatore: JoyMasher
Piattaforme: PC Windows, PS4, Switch

Cominciamo le cose con Blazing Chrome, un gioco a cui sono interessati diversi membri dello staff di Niche Gamer (così come Elon Musk). Annienta l’insurrezione robotica come un tosto muscoloso o un ribelle robot ribelle in questo lato retrò ispirato a Contra- scroller. Il gioco uscirà nel primo trimestre del 2019.

Huntdown
Editore: Coffee Stain Publishing
Sviluppatore: Easy Trigger Games
Piattaforme: PC Windows, Mac, Linux, PS4, Switch, Xbox One

Se vuoi un’azione di scorrimento laterale più ispirata al retro, dai un’occhiata a Huntdown. In un futuro oscuro, la polizia impiega cacciatori di taglie per abbattere leader di spicco della banda. Gioca nei panni di uno dei 3 cacciatori di taglie unici e abbatti le bande più violente della città. Nessuna data di rilascio è stata annunciata.

Black Future ’88
Editore: Good Shepard Entertainment
Sviluppatore: SUPERSCARYSNAKES
Piattaforme: PC Windows, Mac

Uno sparatutto in 2D in arrivo quest’anno di cui sono personalmente molto entusiasta è Black Future ’88, un roguelite ambientato in un cyberpunk infradiciato al neon del 1988 che è stato devastato da una guerra nucleare. Una delle meccaniche di gioco chiave è che il tuo cuore è a pochi minuti dall’esplosione e l’unico modo per prolungare la tua vita è trovare e equipaggiare buff e maledizioni. Il gioco non ha ancora una data di uscita prestabilita.

Ecco perchè amo il retrogaming

Landslide McQueen: lo spirito libero di un broker